Cerca per categoria, prodotto, attività...

 

 

La nostra storia  

 

 

Siamo Pernilla e Niclas Nyrensten e amiamo la natura e i viaggi! Pernilla ha scalato varie cime, è stata al campo base sull’Everest e ha viaggiato zaino in spalla per tutto il mondo. Niclas ama l’avventura e le attività adrenaliniche, come la mountain bike, lo snowboard, l'arrampicata, l'escursionismo e i viaggi attorno al mondo. Insieme abbiamo deciso di fondare un marchio per l’outdoor nel 2014.

 


 

Tutto ebbe inizio con un paio di pantaloni da escursionismo macchiati di mirtilli...

 

In un passato non molto lontano, lavoravamo alle vendite nel settore dell’abbigliamento per l’outdoor, sognando di fondare il nostro marchio. La proverbiale lampadina si accese nella nostra testa in occasione di una fiera, nel corso della quale ci capitò di parlare con un’appassionata di avventura come noi, che si lamentava del costo elevato dei suoi nuovi pantaloni da escursionismo. “I pantaloni sono di ottima qualità, ma costavano così tanto che ora ho quasi paura di indossarli nel bosco. E se li macchio di mirtilli e non riesco più a smacchiarli?” diceva. Durante le nostre avventure zaino in spalla per il mondo, anche noi ci eravamo sentiti spesso così. Non solo le marche per l’outdoor più rinomate erano troppo costose, ma i pantaloni non avevano una buona vestibilità e sembravano disegnati solo per uomini. E i colori? Cinquanta sfumature di noia! Sul mercato mancava un marchio che realizzasse capi divertenti e di alta qualità a un prezzo accessibile e noi eravamo convinti che qualcuno dovesse fare qualcosa. Durante un’escursione al campo base sull’Everest, nacque l’idea di RevolutionRace. Quel “qualcuno” eravamo noi.

Blåbärsfläckade byxor.png

Vår resa.png

 

Il nostro viaggio

 

All’inizio, gestivamo l'attività dal garage del papà di Pernilla, che acconsentì affinché lo trasformassimo in un magazzino e hub logistico. Eravamo allo stesso tempo capi dello sviluppo del prodotto, ufficio acquisti, finanziario e marketing, assistenza clienti e distribuzione: scrivevamo addirittura l’indirizzo a mano su ogni pacco. Facevamo le fotografie dei nostri prodotti nel nostro salotto, indossandoli noi stessi. Facevamo tutto da soli.
 

Il viaggio del prodotto

 

I primi tempi avevamo ancora molto da imparare e il nostro primo campione di pantaloni fu un vero fiasco. La vestibilità non andava bene, le cuciture erano troppo deboli e la fattura era un disastro. Dodici campioni e un sacco di mal di testa più tardi, avevamo finalmente il primo prodotto bello: i nostri pantaloni originali Nordwand! Ma quando visitammo il nostro produttore in Vietnam, ci rendemmo conto che i pantaloni non erano stati fatti secondo le nostre specifiche dettagliate. Il responsabile di stabilimento ci guardò inorridito mentre Niclas faceva a pezzi dodici paia di pantaloni davanti ai suoi occhi. La fabbrica lavorava con diverse grandi marche in quel periodo:noi eravamo il cliente più piccolo (e probabilmente il più rompiscatole). Alla fine ci fu un meeting di emergenza e sostituirono l’intera collezione.

 

Leggi di più qui

 

Vår-produkt-idag.bigfile.gif

Första-Produktvideon.bigfile.gif

Come siamo diventati virali

 

Una volta avviata la produzione, girammo il nostro primo video del prodotto senza un copione, con un cellulare e con una tecnica di illuminazione assai discutibile. Dopo averlo postato sui nostri social media, la nostra responsabile pubblicitaria di Facebook chi chiamò per dirci di rimuoverlo perché sarebbe stato sicuramente un flop. Tre giorni dopo ci richiamò per farci le sue scuse. A quel punto, il video era diventato virale, con più di un milione di visualizzazioni. Alla gente piaceva l’aria genuina del film. Dopo i nostri 15 minuti di gloria su Facebook, sapevamo di avere qualcosa che i nostri concorrenti avevano ignorato o sbagliato. I clienti non vedevano l’ora di avere a disposizione prodotti funzionali, dal prezzo accessibile, con un’eccellente vestibilità, realizzati da persone come loro. E volevano avere una voce in capitolo. Mentre gli altri brand evitavano i social media, noi li cavalcavamo e iniziavamo a costruire una community online forte e fidelizzata. Sin dalla partenza, abbiamo coinvolto i nostri clienti nello sviluppo dei prodotti, chiedendo quali erano le loro esigenze e i loro desideri e utilizzando il loro feedback per migliorare i nostri prodotti..


 

Dove siamo oggi?

 

Oggi RevolutionRace è presente in oltre 30 paesi (per ora) e abbiamo venduto oltre un milione di pantaloni in tutto il mondo. Con oltre 299.199 recensioni nel nostro negozio web, la nostra missione di diventare una delle aziende di outdoor più raccomandate al mondo si avvicina ogni giorno di più. Non entravamo più nel garage e ci siamo trasferiti in un ufficio abbastanza grande da rendere felici i nostri dipendenti ogni giorno. Altre cose non sono cambiate. La stessa fabbrica in Vietnam cuce la maggior parte dei nostri pantaloni, ma oggi siamo uno dei loro migliori clienti e buoni amici del proprietario.

Team.RR.jpg

×